Saldi primaverili: prova il nostro hosting gratis per 3 mesi, con uno sconto fino al 90% sui domini. **

Acquista ora
.com
$ 3.99 $ 26.99 /1 ° anno
.one
$ 1.99 $ 16.99 /1 ° anno

Accedi

Pannello di controllo Webmail Editor Web E-commerce File Manager WordPress

Cos’è il Single Sign-on?

Al giorno d’oggi, chiunque possiede diversi nomi utente e password per accedere a siti web e applicazioni. Molti di essi sono difficili da ricordare e scriverli su un post-it non è il massimo in fatto di sicurezza. Per questo, il Single Sign-on (SSO) può essere d’aiuto. In questo articolo scoprirai cos’è il Single Sign-on e come utilizzarlo su one.com.

vector

In breve

Glossary

Single Sign-on (SSO) è un modo per accedere a più siti web o applicazioni utilizzando un solo set di credenziali di accesso. Ciò significa che non devi ricordare più nomi utente e password per siti diversi. Una volta effettuato l’accesso a un sito, è possibile accedere ad altri siti senza dover effettuare nuovamente l’accesso.

Single sign-on: cosa significa?

Il Single Sign-on, noto anche con l’acronimo SSO, è un metodo di autenticazione che consente di accedere in modo sicuro a più applicazioni o siti web con un solo set di credenziali di accesso. Non dovrai più ricordare nomi utente e password diversi.

Un eccellente esempio di Single Sign-on è quando accedi a Gmail con il tuo account Google e successivamente accedi automaticamente a YouTube, Google Analytics e altre applicazioni di Google. Un altro esempio è quando accedi a Instagram con il tuo account Facebook.

Come funziona il Single Sign-on?

Il funzionamento del Single Sign-on è piuttosto difficile da comprendere. Per semplificare le cose, leggi di seguito cosa succede esattamente quando accedi a un sito web o a un’applicazione.

  1. Un utente vuole accedere a un sito web o a un’applicazione, ad esempio a Gmail con il proprio account Google. Quest’ultimo si configura come il fornitore di servizi.
  2. Il fornitore di servizi crea un cosiddetto token contenente l’identità dell’utente, ad esempio il suo indirizzo e-mail.
  3. Successivamente, il token viene inviato al provider di identità per autenticare l’utente.
  4. Il provider di identità controlla se l’utente è già autenticato. Non lo è? L’utente deve inserire le proprie credenziali di accesso.
  5. Dopo che il provider di identità ha autenticato l’utente, invia un token al provider di servizi per confermarne l’autenticazione.
  6. L’utente può ora accedere al fornitore di servizi.

I vantaggi del Single Sign-on

Utilizzare il Single Sign-on comporta vantaggi preziosi. Per esempio:

  • Facilità d’uso
    È difficile ricordare diversi nomi utente e password.
  • Migliore sicurezza
    I tuoi account sono più sicuri perché non hai più bisogno di annotare le password su un foglio per ricordarle.
  • Maggiore produttività
    Risparmi tempo non dovendo effettuare il login o inserire la password per ogni sito web o applicazione.

Il Single Sign-On è sicuro?

In generale, Single Sign-on è sicuro. Prima di tutto, non devi più ricordare diversi nomi utente e password. Puoi accedere a più applicazioni con un solo nome utente e password e non devi scriverli su un foglio (che potrebbe finire nelle mani sbagliate).

Inoltre, il Single Sign-on rende più facile per gli IT disattivare un account quando qualcuno lascia l’azienda o se l’account finisce in mani sbagliate. L’accesso a più applicazioni viene bloccato contemporaneamente e gli IT possono anche configurare l’autenticazione a più fattori (MFA), ad esempio inviando un SMS contenente un codice da utilizzare per il login.

Tuttavia, c’è un “ma”. Se il tuo account viene violato, l’hacker sarà in grado di accedere istantaneamente a tutti i siti web e alle applicazioni collegate all’account. Pertanto, è necessario creare una password sicura e modificarla regolarmente.

Protocolli di Single Sign-on

Per abilitare il Single Sign-on vengono utilizzati diversi protocolli. Questi protocolli consentono ai provider di servizi di cooperare con i provider di identità per verificare l’autenticazione di un utente.

Esempi di protocolli:

  1. Security Access Markup Language (SAML)
  2. OpenID
  3. Federated Identity Management (FIM)
  4. OAuth

Software Single Sign-on

Esistono diverse soluzioni software che consentono di implementare il Single Sign-on. Alcuni noti fornitori di software sono:

  1. Okta
  2. Microsoft Azure Active Directory
  3. Ping Identity
  4. OneLogin
  5. Google Cloud Identity

Il Single Sign-on su one.com

Utilizzi un hosting WordPress gestito su one.com o sei interessato a questa soluzione di hosting? Puoi utilizzare il Single Sign-on. Inoltre, con l’hosting WordPress gestito sei protetto dallo spam e benefici degli aggiornamenti automatici giornalieri del core, dei plugin e dei temi.

Sei interessato all’hosting WordPress gestito? Puoi aggiungerlo al tuo piano di hosting WordPress su one.com.

Crea il tuo sito web con WordPress

Inizia a costruire il tuo sito con il CMS più famoso al mondo.

scegli un piano
  • Oltre 40 temi one.com gratuiti e unici
  • Hosting stabile e ultra veloce
  • Certificato SSL gratuito
  • Mobile friendly
  • Installazione in 1 clic
  • Assistenza 24 ore su 24, 7 giorni su 7